esdebitazione equitalia

Esdebitazione Equitalia: qual è la procedura

Se hai dei debiti nei confronti di Equitalia, puoi ottenere il ricorso a una procedura di esdebitazione che potrebbe addirittura portare allo stralcio delle tue passività nelle ipotesi in cui dimostri di non essere in grado di risanare completamente tutti i tuoi debiti. Ma come funziona l’esdebitazione Equitalia? In che modo potresti arrivare ad un desiderato azzeramento debiti con Equitalia?

Esdebitazione Equitalia: cos’è?

Cominciamo con ordine e ricordiamo che l’esdebitazione Equitalia, o procedura di sovraindebitamento Equitalia, è una possibilità introdotta nel nostro ordinamento con la nuova legge sul sovraindebitamento di cui alla l. n. 3/2012, che permette ai privati gravati da eccessivi debiti in relazione alle proprie possibilità, di porre rimedio pagando i creditori attraverso un nuovo piano personalizzato.

Chi può ricorrere all’esdebitazione con Equitalia?

Risulta interessante chiarire che la procedura che potrebbe condurti all’esdebitazione è riservata a tutti quei soggetti non fallibili, ovvero i consumatori, i professionisti, i piccoli commercianti, gli imprenditori agricoli e gli enti no profit.

Se invece fai parte di uno dei soggetti fallibili, non temere: puoi pur sempre contattarci ai recapiti che trovi in fondo a questa pagina per scoprire quali sono le altre opportunità che la normativa in vigore ti riconosce, e che ti permetteranno di arrivare in tempi rapidi a una nuova condizione di equilibrio finanziario.

Quali sono i requisiti per l’esdebitamento?

Rientrare nei soggetti non fallibili non è sufficiente per poter avere accesso alle procedure di esdebitazione Equitalia. È infatti fondamentale dimostrare di trovarsi in una situazione di squilibrio duraturo tra gli impegni che hai assunto con i creditori (i debiti) e le tue possibilità finanziarie, intendendo per tali il patrimonio prontamente liquidabile.

In altri termini, il legislatore apre le porte a questa procedura vantaggiosa se sai dimostrare che con le tue disponibilità, anche volendo, non riusciresti comunque a ripagare i debiti contratti. Se ricadi in questa situazione, sei una persona meritevole e non hai contratto i tuoi debiti nella consapevolezza che fossero superiori alle tue possibilità economiche, puoi beneficiare della procedura di esdebitazione Equitalia.

In cosa consiste l’esdebitazione Equitalia

Quando si parla di procedura di esdebitazione Equitalia bisognerebbe in realtà riferirsi a tre distinte iniziative, alternative tra di loro, che ti invito a valutare in compagnia di uno dei nostri specialisti:

  1. Accordo di ristrutturazione: è una proposta presentata dal debitore al tribunale, il quale valuterà la fattibilità del piano avanzato, che dovrà essere approvato da almeno il 60% dei creditori. Una volta omologato dal tribunale, l’accordo diventerà obbligatorio anche per i creditori che non vi hanno aderito; 
  2. Piano del consumatore: è una possibilità rivolta solo ai consumatori, senza che sia richiesto l’accordo con i creditori. Si deve invece proporre al giudice un piano che assicuri ai creditori una soddisfazione maggiore rispetto a quella che potrebbe giungere con la liquidazione dei beni del consumatore;
  3. Liquidazione del patrimonio: possibilità di norma residuale, è la procedura con cui il debitore provvede a liquidare il proprio patrimonio per soddisfare i suoi creditori. L’esdebitazione non avviene subito, come avviene invece con il piano del consumatore, ma dopo quattro anni.

Conclusioni

Speriamo che questi brevi spunti possano essere stati utili per comprendere qual è la procedura di esdebitazione Equitalia e quali siano le caratteristiche di ogni percorso. Se vuoi saperne di più ti consigliamo di contattare i nostri esperti ai recapiti che trovi nella parte inferiore di questa pagina.

Vedremo insieme come poter trovare la migliore soluzione per garantirti il ripristino della migliore situazione economico finanziaria, regolando in modo coerente le passività che hai nei confronti di Equitalia e di altri creditori privati, come gli istituti di credito, o pubblici. 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su