Sospensione Provvisoria Esecuzione Decreto Ingiuntivo

Sospensione provvisoria esecuzione decreto ingiuntivo: Come funziona?

L’esecuzione di un decreto ingiuntivo è un provvedimento monitorio, un’ingiunzione al pagamento, che può essere utilizzato dal creditore (con un’apposita procedura) per recuperare le somme che gli sono dovute. 

I debitori però, anche in presenza di un’ingiunzione di pagamento, possono “difendersi” attraverso: la sospensione provvisoria esecuzione decreto ingiuntivo. 

Infatti, quando non è possibile ripagare i propri debiti per motivi seri e accertabili, si può ricorrere alla sospensione come disposto dell’art. 649 c.p.c.

Se non ben consigliati, è possibile però che non ci si sappia difendere da decreti ingiuntivi provvisoriamente esecutivi. Nonostante questo sia possibile, evitando il decreto ingiuntivo grazie all’applicazione della legge inserita nel codice di procedura civile.

Art. 649 c.p.c.: cosa dice e perché interviene in difesa del debitore?

L’art 649 c.p.c. prevede la sospensione provvisoria dell’esecuzione di un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo. 

La sospensione del decreto ingiuntivo può essere richiesta al giudice nel momento in cui ricorrono gravi motivi per i quali si è impossibilitati al pagamento.

L’istanza di sospensione prevista dall’art. 649 CPC può essere presentata già al momento della presentazione degli atti di citazione con i quali ci si oppone al decreto ingiuntivo. Di solito, questa istanza è diretta al giudice competente, in quanto si presuppone che a questo punto si sia già instaurato un giudizio di opposizione.

Il giudice, che conosce già i fatti, potrà così valutare eventuali gravi motivi che portino a convalidare la sospensione provvisoria dell’esecuzione del decreto ingiuntivo.

Anche se si può momentaneamente sospendere, bisogna comunque sottolineare che:non è invece possibile richiederne una totale revoca.

Nel caso in cui il Giudice Istruttore non sia stato ancora designato, l’istanza può essere inviata sia al creditore, da parte dell’opponente – ossia il debitore che non può al momento pagare i debiti – sia al Presidente del Tribunale interessato

Questo procedimento non è scorretto, ma ha sicuramente tempistiche più lunghe quindi è sconsigliabile, se si ha particolarmente fretta di risolvere entro breve tempo, attendere la nomina del G.I. e inviare direttamente a lui la richiesta della sospensiva.

I motivi che permettono la sospensione provvisoria esecuzione decreto ingiuntivo

In realtà, l’articolo 649 del Codice di Procedura Civile, non ha stilato un elenco preciso dei motivi gravi per i quali è possibile ricorrere alla sospensione provvisoria dell’esecuzione di un decreto ingiuntivo.

La valutazione degli stessi è rimessa totalmente alla discrezionalità del giudice.

Lo stesso giudice dovrà tenere conto di alcuni fattori e principi cardine, quali per esempio il pericolo di un grave danno al carico dell’opponente, qualora non fosse fermato il decreto ingiuntivo richiesto dal creditore.

Ma non solo. Il giudice dovrà accertarsi che la domanda di provvisoria esecutività del decreto risponda ai requisiti presenti nell’art 642, che regola la richiesta dei suddetti decreti ingiuntivi.  

Spesso, infatti, vengono richiesti decreti ingiuntivi di provvisoria esecutività (quindi con un esecutività più rapida rispetto ai decreti ingiuntivi classici) senza che queste richieste contengano i reali requisiti richiesti dalla legge. Compito del giudice è indagare anche su questo aspetto.

Pertanto, come si nota, la richiesta di sospensione provvisoria di un decreto ingiuntivo può essere fatta solo in presenza di valide ragioni che saranno comunque sempre valutate dal giudice stesso. Bisogna sottolineare come la sua decisione non sia in alcun modo impugnabile.

Qualora dovesse stabilire che la fattibilità dell’art.649 c.p.c in quel dato caso, la sua ordinanza non sarà né impugnabile, né revocabile. Il provvedimento preso dal giudice, quindi, blocca di fatto il decreto ingiuntivo voluto dal debitore.

Conclusioni

Appare molto chiaro quanto questo strumento possa aiutare i debitori in gravi difficoltà a difendersi dalle richieste di risarcimento dei creditori, attraverso i decreti ingiuntivi provvisoriamente esecutivi.

La sospensione provvisoria dell’esecuzione di un decreto ingiuntivo è ancora poco conosciuta, per questo è sempre bene farsi seguire da validi esperti nel settore, che sapranno come gestire al meglio la situazione, evitando all’opponente gravi danni. 

Se hai bisogno di aiuto per uscire dai debiti e per riuscire a ritrovare la giusta serenità non esitare a contattare noi di Specialista Debiti! Ti aiuteremo a ritrovare la giusta serenità, liberandoti dai creditori e debiti eccessivi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su