pignoramento dello stipendio

Pignoramento dello stipendio: come funziona. limiti e consigli.

Il pignoramento dello stipendio è una procedura che viene richiesta dai creditori quando chi ha contratto un debito non ha possibilità di onorarlo.

Solitamente, per arrivare a questa soluzione, il creditore inoltra una richiesta al Tribunale e, quest’ultimo, procede a individuare i bene che possono essere pignorabili, come immobili, auto o altri oggetti di valore.

Tuttavia, se non si è esperti del settore o avvocati, si conosce davvero poco a riguardo il pignoramento stipendio per cui, è bene approfondire l’argomento per capire anche come ci si può eventualmente difendere da quest’azione.

Che cos’è il pignoramento dello stipendio

Quando si hanno dei debiti che non sono stati saldati, i creditori possono rivolgersi al tribunale competente per ottenere il pagamento attraverso il pignoramento dei beni.

Tra questi, oltre immobili, auto, conti correnti e altri oggetti di particolare valore, come antichità e opere d’arte, rientra anche lo stipendio.

Il pignoramento stipendio è una procedura regolamentata dal Codice di procedura civile all’articolo 543 e permette di soddisfare i creditori in caso di debitori insolventi.

Tuttavia, la legge stabilisce anche che, di norma, si può procedere solo al pignoramento del quinto dello stipendio, vale a dire il 20% dell’importo totale.

Perché il pignoramento stipendio è vantaggioso per il creditore

Il pignoramento dello stipendio è una soluzione molto diffusa perché offre innegabili vantaggi ai creditori:

  • il pignoramento di un quinto dello stipendio permette di avere i soldi in modo molto veloce rispetto a beni immobili che, prima, devono essere venduti per incassare la cifra;
  • lo stipendio è un bene facile da rintracciare rispetto ad altri come case e veicoli;
  • è una procedura molto rapida.

Pignoramento stipendio: i limiti

In realtà, il quinto dello stipendio è la cifra massima che può essere trattenuta dalla busta paga. In questo modo, si consente il pignoramento stipendio minimo vitale in base al netto mensile percepito da ogni lavoratore.

Tuttavia, ci sono alcuni casi in un cui la percentuale del pignoramento può superare il 20% dello stipendio. Questo avviene nel caso di crediti di natura alimentare, come quelli corrisposti ai figli in caso di separazione, che danno diritto al pignoramento stipendio del 30%.

Nel caso di debiti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate: la quota del pignoramento dello stipendio sarà calcolata sulla base del debito complessivo: si va da 1/10 per debiti non superiori ai 2500 euro, 1/7 dello stipendio se l’importo del debito non supera i 5.000 euro, mentre si procede con il pignoramento di 1/5 dello stipendio se l’importo complessivo è superiore ai 5.000 euro.

Come funziona il pignoramento dello stipendio

Il pignoramento dello stipendio è una procedura che permette al creditore di recuperare velocemente i suoi soldi, più rapida rispetto ad altre tipologie di pignoramento, ma prevede comunque tempistiche ben precise.

Alcuni passaggi, infatti, sono previsti dalla Legge per tutelare il debitore e, spesso, per il pignoramento dello stipendio presso terzi si può aspettare anche un anno.

Il primo passo è una lettera di diffida che viene inviata al debitore per richiedere il pagamento della somma dovuta. Solitamente, viene redatta da un avvocato o da una società di recupero crediti.

In caso di debiti non pagati, il creditore può avviare una pratica in Tribunale che si conclude con un Decreto ingiuntivo, un vero e proprio atto giudiziario che consente all’organo competente di incassare e quantificare le somme dovute al creditore.

Il debitore, quindi riceverà questo atto in una busta verde, tipica degli atti giudiziari.

A questo punto, il debitore potrà procedere al pagamento, ma se ciò non avviene il Tribunale potrà procedere con il pignoramento. Spesso, in caso di pignoramento dello stipendio, la notifica viene inviata prima al datore di lavoro che al debitore e, quindi, ci si potrà ritrovare con una busta paga di importo inferiore, prima di aver ricevuto a casa la busta verde.

Se hai paura di ricevere un pignoramento dello stipendio o ti è già successo, non ti preoccupare. Contatta noi di SpecialistaDebiti! Insieme potremmo trovare una soluzione e risolvere i tuoi problemi debitori!

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su