troppi finanziamenti cosa fare

Troppi finanziamenti cosa fare? Soluzioni e consigli

Troppi Finanziamenti cosa fare? In un momento di crisi come quello odierno, può succedere di ritrovarsi alle prese con i debiti eccessivi, a causa di troppe richieste di prestito.

Anche se si hanno troppi finanziamenti da pagare, però, è possibile uscire dalle difficoltà con alcune soluzioni appositamente studiate per chi ha troppi debiti.

Troppi finanziamenti cosa fare: la soluzione nel Consolidamento debiti

Quando si ha a che fare con troppi finanziamenti in corso, si può usufruire del consolidamento debiti che accorpa, in un’unica rata tutte quelle dei prestiti in corso. Questa soluzione apporta due principali vantaggi per il debitore:

  • Riordinare le rate tenendo sotto controllo la propria situazione amministrativa;
  • Possibilità di ridurre la rata complessiva grazie a tassi d’interesse migliori rispetto ai singoli finanziamenti originari.

Il capitale erogato attraverso il consolidamento debiti consente di coprire la cifra inizialmente finanziata, ma anche di disporre di ulteriore liquidità dato che l’importo può essere maggiore.

Inoltre, per il consolidamento debiti non vengono richieste garanzie aggiuntive rispetto a quelle necessarie per i normali prestiti. Se si cerca un aiuto perché si hanno troppi debiti, questa formula contempla dunque anche garanzie e strumenti come: la cessione del quinto dello stipendio, soluzioni valide anche per i “cattivi pagatori”.

Quanti finanziamenti posso includere in un’unica rata?

Se si hanno troppi debiti con finanziarie bisognerà valutare l’importo della rata per il consolidamento debiti. Questa deve essere inferiore alla somma complessiva di tutti i finanziamenti, ma è difficile stabilire l’importo a priori.

Infatti, solo recandosi da una specialista debiti e chiedendo aiuto a una banca o finanziaria che propone il consolidamento, si potrà valutare a quanto ammonterà la rata mensile, a patto che si rifinanzino un massimo di cinque prestiti.

Se i debiti contratti con le finanziarie sono molti, pari a cinque, è possibile richiedere anche dei piani di ammortamento più lunghi (fino a 40 anni) che danno maggior respiro per pagare l’intera cifra, ma richiedono maggiori garanzie. Un’alternativa per chi ha troppi debiti e non sa come fare è quella di richiedere il rifinanziamento della somma, cercando di allungare i tempi di restituzione e ottenere liquidità per poter ripagare un altro prestito.

Quando si richiede un rifinanziamento o un consolidamento debiti è possibile che segua valutazione patrimoniale del richiedente fatta dalla banca o dall’istituto di credito in base alla quale si deciderà se erogare o meno un nuovo finanziamento. Solitamente, l’aver saldato tutte le rate precedenti è un buon primo passo per ottenere un rifinanziamento e maggiore liquidità per pagare i debiti.

Quali sono i requisiti richiesti per il mutuo liquidità

Il Mutuo Liquidità può essere richiesto da coloro che hanno troppi debiti con finanziarie. Le banche che propongono questa soluzione, prevedono che i richiedenti abbiamo dei requisiti specifici ossia:

  • Garanzie quali: busta paga, immobile di proprietà, pensione, dichiarazione redditi da lavoratori autonomi, oppure un garante con il giusto profilo finanziario
  • Età compresa tra i 18 e i 75 anni
  • Disponibilità a contrarre un’assicurazione sulla vita e sul lavoro
  • Avere un’anzianità di servizio sul lavoro di minimo sei mesi (1 anno per i lavoratori autonomi)

In presenza delle giuste garanzie o di un garante disposto a firmare una fidejussione sul prestito, sarà possibile rateizzare i debiti con un unico prestito fino a un massimo di 40 anni.

Troppi debiti come chiedere il consolidamento dei debiti: i documenti

Se si hanno troppi finanziamenti in corso, per richiedere il consolidamento dei debiti è necessario avere i requisiti richiesti, che comunque possono variare per ogni finanziaria, ma anche disporre di alcuni documenti:

  • Anagrafici, ovvero documenti d’identità personali e codice fiscale.
  • Reddituali, possono essere richiesti l’ultima busta paga o il cedolino pensione o, in caso di lavoratori autonomi, il modello Unico presentato.
  • Documentazione relativa ai finanziamenti contratti e il conto estintivo.

Se si sta cercando il consolidamento debiti e non si sa a chi rivolgersi è bene scegliere specialisti dei debiti in grado di offrire una consulenza personalizzata che permette di trovare la soluzione migliore per risolvere ogni problema per estinguere i debiti contratti.

Affidarsi a degli esperti è fondamentale per cercare subito la soluzione ai troppi finanziamenti ed evitare di ritrovarsi alle prese con maggiori problemi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su