diritto di abitazione pignorabilità

Diritto di abitazione pignorabilità: è possibile?

Diritto di abitazione pignorabilità: quando è possibile? Il diritto di abitazione è pignorabile o no? Queste sono le domande principali che ci vengono rivolte quando si hanno dei debiti e si ha paura per il pignoramento prima casa.

Il diritto di abitazione anche se di per sé non potrebbe essere pignorabile, bisogna considerare che non è uno strumento utile in caso di pignoramento casa, e che bisogna agire in modo differente per trovare una soluzione alternativa.  

Come evitare il pignoramento? Diritto di abitazione pignorabilità, vendita o donazione

Facciamo chiarezza: il creditore ha diversi strumenti a sua disposizione per riuscire a recuperare un credito. Tra i vari strumenti che può adottare e che spesso viene usata dalle banche o dall’Agenzia delle Entrate c’è sicuramente il mezzo per l’espropriazione forzata che permette di andare ad aggredire l’immobile che risulta essere proprietà di colui che ha contratto il debito.

Uno dei metodi ai quali si fa maggior ricorso e che permette di evitare la vendita all’asta della casa è quello di trasferire la proprietà attraverso un atto di vendita oppure mediante donazione. Entrambi i casi, a meno che con la vendita non si vada a onorare il debito, comportano il rischio di revocatoria da parte del creditore.

Questo vuol dire che il creditore inizia ad esercitare un’azione di revoca con lo scopo di rendere così inefficace sia la vendita sia la donazione in quanto potrebbe essere svolta per motivi fraudolenti tra i quali sussiste anche: evitare il pignoramento dell’abitazione.

Ecco perché in alcuni casi si cerca di ricorrere all’uso del diritto di abitazione oppure di usufrutto dell’immobile in modo da poter usare la casa di un’altra persona. Anche questo strumento però non pone al riparo da tentativi di recupero cautelari da parte del creditore.

Questo perché l’usufrutto risulta essere anche questo pignorabile e soggetto ad espropriazione forzata, inoltre è anche sottoposto a delle possibili azioni di revoca come quelle che intervengono in caso di vendita o di donazione.

Diritto di abitazione: può essere una soluzione?

Il diritto di abitazione prevede che si abbia godimento di cose altrui, con questo il titolare si riserva il suo diritto di abitare in casa soddisfacendo i bisogni abitativi propri e quelli della propria famiglia.

A differenza dell’usufrutto, il diritto di abitazione quindi non si può pignorare oppure ipotecare. Questo significa che il diritto viene trascritto all’interno dei registri immobiliari prima di procedere con il pignoramento.

Lo stesso può essere opponibile da parte del creditore. Per questo motivo, il creditore potrebbe andare a pignorare comunque la nuda proprietà dell’immobile che potrà poi essere venduto all’asta anche se poi sarà gravato dal diritti d’abitazione.

Tuttavia, anche se permette di mantenere il godimento della propria abitazione ed evitare che venga messa all’asta, bisogna sottolineare che il diritto di abitazione può essere impugnato.

Infatti, come avviene per vendita, donazione, usufrutto anche in caso di costituzione del diritto d’abitazione questa potrebbe essere soggetta ad una revocatoria.

Il creditore, entro cinque anni dalla stipulazione di questo atto, potrebbe ottenere la revoca dell’atto costitutivo della casa nel caso in cui si possa dimostrare che il trasferimento della nuda proprietà e costituzione del diritto d’abitazione siano finalizzati a sottrarre l’immobile a dei tentativi di recupero crediti.

Rivolgiti a degli Specialisti

Dunque, qual è la soluzione migliore per riuscire a ottenere una protezione contro eventuali pignoramenti della prima casa? La soluzione migliore è contattare gli Specialisti del Debito che possono supportarti al meglio e consigliarti su come riuscire ad evitare il pignoramento della prima casa.

Inoltre, possono aiutarti anche a liberarti dai debiti uscendo da questa situazione e senza rischiare alcun pignoramento da parte dei creditori che ti assillano. Contatta Noi di Specialista Debiti per sapere come uscire dalla tua situazione debitoria! 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su